grat – scheda del termine

GRAT – SCHEDA DEL TERMINE

Qu’eras sai ieu sui lieis que mos cors e mos sens

me faran far, lur grat, rica conquesta (Eusebi)

perché ora so che il mio cuore e il mio senno, mi faranno fare, a lor grado, splendida conquista.

C’aras sai ieu que mos cors e mos sens

Mi farant far, lor grat, rica conquesta (Lavaud)

C’ar à present je sais que mon coeur et mon esprit me feront faire, en suivant leur bon plaisir, una riche conqe^te.

nota. LOR GRAT: aucun Lex ne note cette locution. Cfr ab grat de, ab mon grat, estra mon grat, per mon (son) grat. Je ne puis adopter la traduction de Canello: “me feront faire d’accord une riche c.”

C’aras sai ieu que mos cors e mos sens

mi farant far, lor grat, rica conquesta (M. de Riquer)

Ya que ahora sé que mi corazòn y mi juicio me haràn hacer, a gusto de ellos, una rica conquesta.

È interessante analizzare il termine grat, contestualizzandolo da una parte nell’ambito trobadorico e studiando dall’altra il significato che ha assunto nell’italiano antico e in quello contemporaneo.

Il Supplemento al Levy  riporta le seguenti spiegazioni del termine:

grat (R. III, 501 1) “Gefallen, Beliben” (aggradare)

Oimais poirez auzir,

si eus es graz mi talens,

los noms e las razos (Tezaur 617)

Text Z. 1 cui es, vgl. Aber Bartsch, Jahrbuch 4, 235

1. ab g. de, “mit einwillgung von”

Arnaut tramet so cantar d’ongl’e d’oncle

Ab grat de lieys que de sa verj’a l’arma,

Son dezirat (Appel Chr2 26, 38)

2. ab mon g. “nach meinen Gefallen Willen”

Jaufre respon: Domna, per Crist,

Bel voria trobar enans,

Car aquest termes m’es us ans;

Tant ai de lui gran voontatat

C’ades i seria ab mon grat (Jaufre 107a,11)

3. de g., de bon g. “willig, gern” Enves totz cels c’ab vos an acordanssa e que us servon de grat e volontier, Vos non tenetz sagramen ni fianssa (Tenzone Albert de Mallasp.-R. De Vaq.)

Ieu, senher, guerrai, si Dieu platz,

E pueis farai vos de bon grat Tota la vostra volontat (Raimon Vidal) –

Weitere belege im Glossar

Elh sonet son dous e bas,

coind’e leugier e cortes,

per que de grat son apres. – Bartsch Chr.151, 25 (R. de Mir)

Et hom pessaria que fos

Us homs misericordios

Que perdonaria de grat

A tot peccador son peccat (Brev. D’am. 13177)

4. de g., de bon g. “aus freiem Antriebe, von selbst”

Que soi vengutz en cort de grat e non forsatz (Izarn 576)

La donna na Helitz… de grat e de bona voluntat e no per forssa ni per paor ni per suggestio d’alcuna persona… autorguec…que… (cart Alaman S. 74 vl. Z)

Vengro a la porta ferrencia.. que fo uberta ad els de grat (= lat ultro) (Apost. Gesch)

Ela del tost anar no fina

Vas la cambra del cavayer

C’amors desrenhi’ a sobrer

Ella lo pren, vas si lo tira…

Pueys l’a dig: Bels amicx cortes,

Ara us don aisi de bon grat

So c’avetz tostemps dezirat,

C’ amors o vol e m’o acorda. (Raimon Vidal)

5. de g. “umsonst” de grat o receubetz e de grat o donatz (lat. Gratis)

Eu darei al sedejant de la font de l’aiga de vida d egrat (=lat gratis)

6. de g., “onhe Ursache, onhe Grund”

Quar en azirament agro mi de grat (lat gratis) (Clédat)

Mes asso es per que la palaura de lor ley sie complide, or ditz: Encorrotexin me de grat. (Hidt sainte bèarn II, 86, Z. 9)

7. en grat, “nuch Wunsch”

De nulla ren mais non consira

Mais com pogues

Entre l despolhar e l vestir,

Ja mai mals no m pogr’avenir,

quar vostredig e vostre plag

M’an sabor de roza de mag (Piere Vidal)

8. en grat “umsonst”

9. estra mon g., oltra mon g. “gegen mein Gefallen, meinen Willen”

Qu’estra mon grat cuit acabar

E quier so que no vuelh trobar . (G. de Born)

Si m vol de Brunissen garar

Que de ren no m puesca forsar

Ni ritener oltra mon grat (Jaufre)

10.per mon g.

aisso tenc eu per gran error,

e per mon grat no seria (Lanf. Cigala)

Senher, mais guerriera

No us serai per mon grat (G. Riq.)

Que domna no deu esgardar

So que es laig per remirar..

Ni deu auzir per son grat re

Que no l’esteja gen e be (Sordel)

11.aver g. “dank ernten (raccogliere grazie) Beifall finden (trovare approvazione):

Chanssons, a na Maria Vai dir qu’eu chantaria,

Si m sabia aver grat. (Berng. De Palazol)

Quar fan

Vida tal que ja non auran

Grat de Deu ni del segle onor (Sordel)

Gen saup presentar e proferre, De tot quant fes saup aver grat (Flamenca) – glossar, “avoire gré, s’aittirerla reconaissance”

12.aver bon g. “wolgefalling sein” (essere di buon grado)

Que ja lunhs temps retraire

Non l’auzirai mos talans,

tant es nobla e plazens,

don non es a dire

Beutatz, honors ni joven,

Et a bon grat a dous rire

Ab faitz, ab ditz avinens (G. Riq.)

13.cazer en g. “angenehn sein, gefallen”

14.prendre de g. “freundlich aufnehmen” (accogliere benevolo?)

S’ab lor voletz parlar

Trazetz lo capayro

Qu’estiers vostra razo

No prendran ja de grat

que us auran per fat (Deux Mss. VI,171)

15.retener g.

Per c’om degra lialmen viure,aman deu, retenet del mon grat, gen regnam (Sordel)

Tan sap valer Que de totz sap retener Grat que vezon son cors gai (Paul de Mars.)

Quar selh es mortz que sabia renhar Retenet grat de Dieu e de la gen Si qu’anc ves pretz nulh temps no fes falhensa (ibid 6,20)

Ja no vuelh do ni esmeda Ni grat retener Dels ricx ab lur fals saber…, E no vuelh sia grazitz Mos sirventes entre ls flacx nualhos (Bern. De Rovenac)

16.sentir grat

Domna, per vos estauc en greu turmen / Senher, que fols faitz, qu’eu grat no us en sen (Aim. De Peg)

Qi l dones un contat, grat no li n sentiria (Sordel)

17.venir de g., venir en g. “gefallen” (piacere)

Mais am lo talan el dezir

Sofrir el greu mal

C’ai de vos, dona, en vertat,

Que so d’autras c’a drutz ven mays de grat (Bert. Carbonel)

Far devez tota via

De parlar carestia

Que mielz venont de grat

Diche que son apensat…

– E m sojorn en fin’amistat

De leis qui plus mi ven en grat (Piere Vidal).

Il concetto di essere grato, di gratitudine, è qualcosa di strettamente collegato ad un altro concetto, tipico di tutta la poetica romanza, che è il piacere, in particolare il momento di ricevere piacere, fisico o spirituale che sia. Ma a questo proposito, per comprendere al meglio il senso che Arnaut vuole dare a “grat”, è necessario soffermarsi un attimo su questo campo semantico nella lingua latina.

Grate: volentieri, con piacere (Cic: Orazio grate accepta) con riconoscenza (Cic: praeterita grate meminisse, ricordare con animo grato il passato).

Gratia: grazia, piacevolezza, compiacenza, favore, perdono, ringraziamento, gratitudine, ricompensa grazia, favore, rapp di amicizia, buona armina, autorità, potere, influenza.

Gratificor: far piacere, servizio (a uno), compiacere, essere condisciente (gratificatur mihi gestu, “con un gesto mi mostra la sua condiscendenza) sacrificare, prodigare in ricompensa (potentiae paucorum decus gratificari, “sacrificare l’onore alla potenza di pochi”, Sall.) —> gratiosus, a, um che gode favore, gradito, ben accetto, influente (apud aliquem gratiosus, Cic) 

Gratiosi, -orum =persone influenti (Cic, Val Max) disposto ad usare compiacenza,compiacente, cortese ottenuto per grazia, per favore grator, aris, atus sum, ari congratularsi, rallegrarsi (alicui gratari, Verg.; mihi grator, Ov.)

—> Gratuitis, a, um gratuito, disinteressato, sponataneo, senza ricompensa, non pagato non motivato, inutile, senza vantaggio GRATUS, A, UM: in senso ogg grato, grazioso, gradito, accetto, caro, piacevole, ben venuto, ricevuto con riconoscenza – grata loca (campi ameni, Ov.)

– Gratior… pulcro vienens in corpore virtus (il valore che è più attraente in una bella persona, Verg) ecc… in senso soggettivo: grato, riconoscente – gratus alicui (Quint), in o erga (Cic.) o adversus (Sen.) aliquem, grato verso uno; – male gratus, ingrato, Ov.;

– Grato animo, con riconoscenza

– Gratissima memoria, il ricordo riconoscentissimo, Cic.

– Grata manu, con mano riconoscente (Hor.).

L’insistenza sul tema del piacere e della piacevolezza con le sue sfaccettature positive (basti pensare al “valore” sopra citato) e negative (male gratus) dimostrano che alla base del termine c’è un concetto più ampio: qualcosa è gradita (o si è grati di qualcosa) quando questa ci viene donata dopo averla attesa, desiderata; o anche può risultarci gradita perché particolarmente dilettevole, gioiosa, graziosa.

Analizzando il termine sotto questo punto di vista, si può facilmente individuare la sua vicinanza con il vocabolo greco caris. Come risulta dai Vocabolari Etimologi, il verbo gradire deriva dall’antico grazire (prov grazir), che significa ringraziare, mettere in grazia,concedere in grazia, pregio, mediante un supposto verbo gratìre; e allo stesso modo il sostantivo grado (sp. e port. grado, prov. gratz, fr. gré) va letto nel senso di gratitudine, piacere, come nelle frasi “saper grado”, “sentir grado”, “andare a grado”, “di buon grado”, trae dal latino gràtum ciò che è grato. Ma questo termine, grado, si è perso nell’italiano attuale, con l’eccezione di alcune espressioni (citate sopra).

Il suo significato tuttavia, sopravvive ancora in grato, dal lat. gratus, parallelo a: il gr. CHAR-TÒS, piacevole, giocondo, dalla radice GHAR=HAR, che appare nel sscr. Haryami, amo, desidero, mi diletto, haryata caro e ond’anche l’umbr her, volere, il gr. Chairo mi rallegro, gioisco; chàris, charitòs, tutto ciò che eccita goia, piacere, grazia, beneficio, ricompensa, gratitudine; char-ìeis, char- ìsios grazioso; char-ìzestai far piacere; char-ìsma dono, regalo; char-ma, letizia; il got. Gair, passione, gair-na bramoso, desideroso, l’ant alto ted gergiri cupido, geri^ avidità, ge-ron (mod be-gher-en) bramare, gerno (mod gern) volentieri, il lit. gerè-tis dilettarsi, slav zel-ati (rad zel= ghelm, gher) bramare.

Letteralmente quindi, grato equivale a “piacevole, caro, accetto all’animo, che riconosce i benefizi e ne è ricordevole”. E’ poi curioso notare che alcuni derivati del nostro grado (gratificare, gratuito, gratulare –> congratulare, grazia) appartengono al medesimo campo semantico dei termini greci carità ed eucarestia. È proprio questo il punto più interessante, poiché, ciò che piace, che fa stare bene, è cosa gradita:

Χαρτός, -ή, -όν [χαίρω]

che dà gioia, dilettevole, piacevole, gradito

pl. sost. Χαρτά= gioie

avv. Χαρτώς= piacevolemente

χαίρω

1.gioire, essere felice, contento

con dativo di cosa= gioire, essere contento di qualcosa

con dativo di persona= compiacersi di qcn con pt pred dell’acc;

con accusativo dell’oggetto interno;

con aggettivo;

con preposizione; seguito da congiunzione= mostrare favore

2.restare impunito;

3.come forma di saluto: salve, buongiorno, benvenuto; per rispondere al saluto per prendere congedo salve, addio dare l’addio a qualcosa, lasciar perdere, rinunciare per esprimere non saluto ma conforto

4.felice, contento, pieno di gioia unito a un altro vervo, con negativo, impunito, impunemente in espressioni di saluto con valore desiderativo; sostantivo to kairon= gioia

5.χαρίεσις grazioso, bello, di cose gradito (dono, ricompensa). Di persona  fine,elegante, raffinato; Di cose bello,grazioso, elegante

avv. Χαριέντος con grazia o eleganza, bene; gentilmente; con buone intenzioni

χαρίζω dire o fare cosa gradita, ingraziarsi, compiacere rendersi gradito, accondiscendere compiacere, indulgere, cedere donare, concedere, offrire (in senso erot concedersi) con accusativo di persona donare, graziare; in senso negativo consegnare, poster perdonare, condonare con genitivo partitivo donare in abbondanza essere gradito o caro, piacere gradito, ben accetto di cosa, essere donato, ricevere come favore

χάρις  grazia, quindi

1. in senso oggettivo grazia, bellezza, di persona gloria, successo

2. rispetto, onore favore, beneficio lusinga, favore (in senso erot) crist. Grazia, spesso in NT (scritti paolini)

3. gratitudine, riconoscenza

4. acc χάριν come preposizione per, riguardo a.

 Tenendo presente la derivazione di grat, è ora più semplice leggere il senso in cui Arnaut utilizza il termine (reso, a mio parere molto bene da Lavaud, che usa “bon plaisir” e Riquer, “a gustos de ellos”) ma risulta anche più comprensibile l’uso che ne viene fatto nel medioevo, come si può leggere dal Du Cange.

Gratum, gratus cautio de re quadam facienda Edictum S.Ludovivi Regis Fr. Ann. 1235:

Postquam Dominus per annum terram tenuerit, recipiet homagium ab herede, tali modo quod eres de pretiis vivariorum, garennarum, nemorum, et servitiorum, debet Domino prius facere Gratum suum, vel competentem securitatem ei dare, quam infra 80 dies facere debebit. Charta Communiae Rotomag. Aqud de Lauriere: Et si (debitor) inventus fuerit in civitate Rothomag. Vel. Castro Fales, antequam Gratum suum fecerit, tamdiu tenebitur in carcere Communiae, donec redimatur de centum soldis… tum jurabit se non reversurum in dictam civitatem, vel dictum Castellum, donec fecerit Gratum Majoris et creditoris. (Vide Creantare). Vel Potius, Voluntas, placitum, ital. Grato, gall. Gré: unde gratum facere est debitum solvere, satisficere officio, velid quod aliqcui gratumest, exsequi, nostris Faire gré. Charta Phil. Aug. Ann.1207: Nos dedimus in alio loco praedicto Balduino excambium illius terrae ad Gratum suum.

1.Gratus (vide gradus)

2.Gratus, Crates. Vide grates ( =Super dictas scalas ponantur gratices, vulgari seromoni dicuntur Grati, super quas transeunt pedites). —> GRATUS, GRATUM idem quod creantum et crantum:unde nata vox nostra gré, pro assensu, voluntate, quod qui creantat, seu cavet alicui, ultro fidem praestat. – capitula caroli Calvi tit 24: Ipse autem de suo Gradu respondit, quod in illus scriptum non intraret. Ubi Sirmondus, forte de suo Grato, sua sponte, ultro. At Itali grado, pro grato, eadem notione dicunt. -Vetus charta apud Besilium pag 382: Tu quis meus es, quomodo teneas hoc ego non dedi tibi extra meo Gratu? Ratherius Veronensis de Qualitat. Conjectura: Sufficeret ei quod ipse dederat castrum, et ille remandasset ei, quod sic vellet eum tenere pro suo Gratu, sicut pro fellone. […]

—> MALO- GRATO, Gallicum Malgré, Maugré, Invitus, nolens. – Matth. Paris ann. 1245: Libertatem Ecclesiae, quam ipse numquam auxit, sed magnifici antecessoresejus Malo-grato suo stabilierunt. Id est Gallice Malgrè, lui. Idem sub ann. 1252 Malo-Grato Dei, id est Malgré Dieu, invito Deo. Le Roma de Rou MS: Guert out si le Conseil troublé, Que puis n’i out l’homme escouté Qui de faire pais ait parlé, Qui des plus riches n’ait Malgré.

Se dunque il grado (buon grado o mal grado che sia) è la reazione ad una grazia -in senso lato- a qualcosa cioè di bello, piacevole, allora si comprendono più facilmente i significati dei termini che appartengono a questo campo semantico.

Gradire

1.Accettare con intima soddisfazione, con gratitudine, con amabile condiscenza (un omaggio, un dono, un augurio, un invito). – in particolare, accettare l’invito a mangiare o bere (cfr Panciatichi, 131; Manzoni, Pr. Sp. 4; Cicognani, 9-72) – Tommaseo.. ma anche

2.Accogliere qualcuno con segni di stima, di benevolenza, di simpatia; riceverlo con piacere e con i dovuti onori (cfr Guittone, Petrarca, Sacchetti, ecc)

3.Tenere nella giusta considerazione, apprezzare, approvare, aver caro (un atto, un comportamento, un sentimento); compiacersene; godere, gustare, prendere diletto

4.Ascoltare con animo benigno (uno sfogo, una confidenza, un lamento); esaudire (una preghiera); accettare (un consiglio) – Dante, Inf 16-42; – Appagare un desiderio, un’aspirazione (cfr Cino, IV-293e Leopardi, III-1053)

5.Desiderare, vagheggiare; volere, esigere. Con riferimento a cose inanimate (Tommaseo: Una pianta gradisce tale o tale terreno,il terreno la pianta)

6.Ant. e letter. Allietare, rallegrare, dilettare qualcuno, renderlo contento e soddisfatto; appagare, favorire – anche assol. (Petrarca 178-3) – Cattivarsi di qualcuno, renderselo propizio, ottenere i favori

7.Ricompensare, rimunerare, premiare, riconoscere il merito, dimostrare riconoscenza, ringraziare.

8.Concedere graziosamente, procurare, elargire

9.Intr. Rendersi o riuscire grato a qualcuno; cercare di piacergli, di farlo contento. – Anche: compiacere, assecondare, favorire -di animali – accondiscendere, conformarsi

10. Riuscire gradito, piacevole, amabile, caro, conforme alle necessità e alle attese; andare a genio

11. Ant. Provare gioia, rallegrarsi, compiacersi. – anche con la particella pronominale

12. Sostant. Piacere, gioia, soddisfazione.- anche: gradimento (cfr Chiaro Davanzati III-28)

13. Locuz. – A gradire: con grande soddisfazione, con pieno gradimento – Essere da gradire – Farsi gradire – Gradire di più (preferire) – Non gradire, gradire poco

Gradito

1.Venerato, onorato; come appellativo di rispetto o tenerezza; accolto con segni di benevolenza e di stima

2.che è fonte di intimo godimento e di viva compiacenza, che riempe di gioia l’animo (un sentimento che per le sue virtù, i suoi atti, il suo contegno, merita e ottiene simpatia e stima; degno di alta considerazione, caro, diletto, amato – anche amabile, cortese, premuroso, gentile (cfr Dante, Purg., un pensiero)

3.atto a procurare diletto ai sensi, gioia e sollievo allo spirito; destinato ad appagare il gusto, i desideri e le speranze; altamente apprezzato per ciò che rappresenta o ricorda, per i sacrifici che costa; delizioso, attraente che trascorre in una piacevole atmosfera di benessere materiale e spirituale, di serenità, di amabile spensieratezza

4.accogliente, confortevole, invitante, tranquillo (una dimora); dilettevole per l’aspetto ridente, ameno, pittoresco (un luogo)

5.dilettevole alla vista,leggiadro piacevole (una persona) – dilettevole al gusto – dilettevole all’udito -dilettevole all’odorato -caro, congeniale, inseparabile

6. Ant. Valente, abile, esperto – anche con metonimia

7.Locuz. Rendere o tenere qualcosa gradito (Battaglia).

Luisa Guida

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: